• Italiano
  • English

QUAL È LA SOLUZIONE ENERGETICA PIÙ ADATTA A TE?

L’energia serve a qualsiasi essere umano, indipendentemente dalla società in cui vive. Siamo tutti consumatori d’energia, chi più e chi meno: quello che cambia è la quantità di cui ne abbiamo bisogno. Tale quantità a sua volta varia moltissimo dal grado di benessere che si è raggiunto e le abitudini quotidiane, nonché, in ultima analisi, dal numero di componenti di un dato nucleo familiare. Ci sono quindi varie esigenze a seconda della famiglia, e dei suoi consumi abituali: l’esigenza di un singolo che vive in un monolocale di 40 mq in un condominio, ovviamente non potrà mai essere quella di una famiglia di tre persone, che vivono in una casa autonoma. Ecco perché è bene sempre calcolare preventivamente quanta energia si potrebbe spendere, quando si decide di cambiar casa oppure, semplicemente, quando si pensa ad una riqualificazione di quella esistente.
Leggi quest’articolo per scoprire i parametri principali da calcolare, per trovare la soluzione energetica adatta a te.

Valuta la classe energetica dell’immobile

L’Attestato di Prestazione Energetica degli edifici (APE) è un documento importante per ogni immobile, perché definisce con chiarezza la classe energetica dello stesso.
La classe è attribuita con una lettera alfabetica, da A4 (più efficiente) sino alla G (meno efficiente).
Abbassandosi di classe, l’immobile richiede più energia (espressa in kWh all’anno) per essere riscaldato o raffreddato.
Viceversa, nelle alte classi (B e superiori) l’efficienza sale, e quindi è richiesta meno energia per mantenere alla temperatura desiderata l’immobile.
Il documento è redatto da un tecnico abilitato
, e tiene conto della superficie utile riscaldata e rinfrescata, degli interventi di riqualificazione fatti, del sistema di riscaldamento o raffreddamento e di ogni altro elemento che può incidere sul consumo totale di energia della casa.

Sebbene sia ancora – a torto - una documentazione per lo più ignorata in fase di acquisto o affitto di un nuovo immobile, è un certificato invece estremamente utile: per la stessa tipologia di appartamento ad esempio, a parità di metratura, la differenza tra un classe A e un classe G comporta un risparmio medio di spesa energetica annuo fino a € 1.600,00.
Quanto un appartamento assorbe di energia è la base per individuare la migliore soluzione per una famiglia: molti immobili possono essere migliorati energeticamente con interventi non molto invasivi, altri invece richiedono una spesa maggiore per migliorare l’isolamento.
Più una casa è in bassa classe energetica, e più costa da mantenere annualmente.

 

Riscaldamento autonomo o centralizzato?

Gli impianti di riscaldamento degli immobili, si sa, possono essere di due tipologie: autonomi oppure centralizzati.
Il riscaldamento autonomo prevede normalmente l’installazione di una caldaia, solitamente di dimensioni contenute, adatta alla produzione di acqua calda, sia sanitaria che adibita ai caloriferi. La caldaia può essere alimentata sia a GPL che a gas metano, a seconda del tipo di distribuzione.
Alternativamente alla caldaia a gas, è possibile installare anche sistemi a stufa, oppure a termocamino.

 

Il vantaggio principale del riscaldamento autonomo è che è gestibile al 100%, sia in tempistiche che in temperatura: le caldaie odierne sono tutte dotate di termostato estremamente configurabile, con vari programmi personalizzabili dall’utente.
È quindi facile scegliere quando si vuole accendere il riscaldamento, per quanto tempo e a quale temperatura.
Di contro, il riscaldamento autonomo è più costoso da mantenere, e richiede un impianto dedicato.

Il riscaldamento centralizzato è comune invece a molti condomini, ed è basato su una caldaia centrale, alimentata a metano o GPL, che pompa poi acqua calda ai caloriferi interni dei condomini. La caldaia può essere situata nello stabile, negli appositi locali caldaie, oppure anche molto distante da esso: in quel caso si parla più propriamente di teleriscaldamento, ed è solitamente considerato un servizio fornito da un distributore energetico.
I vantaggi del riscaldamento centralizzato sono comuni a quelli di altri servizi in condivisione, ossia: manutenzione più economica e spese comuni condivise, il tutto unito a consumi mediamente più bassi e minor emissione di combustibili inquinanti.

Il costo del riscaldamento centralizzato è da anni calcolato grazie alle valvole contabilizzatrici installate sui singoli caloriferi: il condomino paga solo quello che effettivamente consuma. Quando la valvola misura una temperatura del calorifero superiore a quella impostata dalla manopola di regolazione, viene ridotta la richiesta di acqua calda, e così facendo si riduce consequenzialmente l’impegno energetico della caldaia.
Questo sistema, ormai obbligatorio per legge, consente al condominio di risparmiare totalmente tra il 10 ed il 30% all’anno di consumi medi.
Gli svantaggi del riscaldamento centralizzato sono anch’essi frutto della condivisione: l’accensione e lo spegnimento dei riscaldamenti vengono decisi con orari unificati, e il controllo della temperatura non è ottimale, in quanto, solitamente, i caloriferi non sono dotati di un termostato ma solo di una manopola di regolazione.

Quasi sempre, la scelta del tipo di riscaldamento viene solo subita dall’inquilino o dal nuovo proprietario dell’immobile: tecnicamente (e legalmente) è possibile passare al riscaldamento autonomo anche in caso di un immobile situato in un condominio con riscaldamento centralizzato, ma nella pratica è in realtà estremamente complesso, e non sempre fattibile. Ecco perché il tipo di riscaldamento dovrebbe essere ben ponderato prima di acquistare o di locare un qualsiasi appartamento: è una decisione che ha immediate e durature conseguenze economiche, e che poi non è sempre possibile cambiare.

L’energia fotovoltaica

Nel XIX secolo il fisico francese Alexandre Edmond Becquerel scoprì casualmente un fenomeno curioso: i fotoni, ovverosia la luce, rimbalzando su particolari superfici e in certe condizioni fisiche, potevano cedere parte della loro energia elettromagnetica agli elettroni più esterni del materiale con il quale venivano a contatto.
Il fenomeno, chiamato effetto fotovoltaico, venne spiegato matematicamente solo all’inizio del XX secolo da Albert Einstein, e venne sfruttato commercialmente solo molti anni dopo, con la costruzione dei primi panelli fotovoltaici.

Un pannello fotovoltaico è un particolare pannello costruito con apposite celle di silicio drogato (cioè modificato nella struttura molecolare), in grado di sfruttare l’effetto fotovoltaico per ricaricare una o più batterie, e produrre quindi energia elettrica.
Volendo, è possibile installare e affiancare all’impianto un sistema a pompa di calore, producendo quindi anche acqua calda sanitaria.
Nel caso di sovrapproduzione di energia, il proprietario dell’impianto può anche decidere di venderla, rimettendola quindi nel circuito di distribuzione.
Solo recentemente i panelli fotovoltaici (a volte impropriamente chiamati ‘pannelli solari’) sono diventati sufficientemente efficienti per permettere un ritorno economico dell’investimento.

La soluzione dei pannelli fotovoltaici può essere conveniente per le case singole, per le ville plurifamiliari, per quelle a schiera o comunque dove ci sia abbastanza spazio da installare l’impianto. I pannelli solari sono singolarmente poco efficienti e con una tensione d’esercizio troppo bassa, e per questo devono essere installati in un numero sufficiente a produrre almeno 3kWh, ovverosia il consumo medio di una famiglia di tre persone.

Grazie alle continue agevolazioni fiscali, sotto forma di detrazioni, unita al recupero dei costi d’installazione nel lungo periodo, l’installazione dei pannelli fotovoltaici può risultare energeticamente ed economicamente conveniente.

 

Ti aiutiamo a valutare la migliore soluzione per te

Con AGN ENERGIA, il brand del Gruppo, puoi realizzare interventi di riqualificazione energetica e progettare soluzioni, prodotti e servizi su misura per le tue esigenze.
Quale che sia la tua richiesta, possiamo fornirti soluzioni che ti assicurano sempre il miglior comfort abitativo, la maggiore sicurezza e le migliori prestazioni energetiche per il tuo edificio. Una bolletta più leggera grazie all’energia dai costi ridotti, meno sprechi e più benessere.
Affidati a noi per la scelta del tuo sistema di produzione energetico consapevole, sostenibile e conveniente.

Liquid Gas Europe
Assogasliquidi Federchimica
Responsible Care
AIGET